Maria Grazia d'Errico

Dopo le rappresentazioni cinematografiche della scorsa stagione, con gli acclamatissimi ‘Gomorra’ di Matteo Garrone, ‘Il Divo’ di Paolo Sorrentino e ‘La ragazza del lago’ di Andrea Molaioli, Toni Servillo si racconta nel libro – intervista ‘Interpretazione e creatività nel mestiere dell’attore’ redatto dal giornalista Gianfranco Capitta ed edito da Laterza, in cui ha riflettuto intorno ai numerosi aspetti della propria professione confessando, altresì, il proprio desiderio di cimentarsi, in futuro, anche in ruoli comici. Abbiano perciò chiesto a questo nostro bravissimo attore di intervenire sul tema dell’interpretazione della creatività.

Toni Servillo, in questo libro - intervista appena uscito traspare il connubio, da lei definito ‘un triangolo erotico’, tra attore, testo e pubblico: lei si sente più un creativo o più un interprete?
“Io sono e rimango soprattutto un attore teatrale, attività che svolgo da 30 anni, più che un creativo: mi sento un interprete che vive una sorta di cosmopolitismo con il pubblico, una forma di nutrimento fra regia, teatro e libri. Dico interprete soprattutto perchè utilizzo il napoletano, la ‘lingua – dialetto’ con cui sono cresciuto e a cui faccio continuo riferimento anche per ‘arricchire’ l’italiano, che considero la mia lingua ‘acquisita’. In generale, non amo i provini: procedo per tentativi senza cercare un personaggio particolare per le mie interpretazioni. Non seguo nemmeno corsi o seminari, anche se spesso me lo chiedono e ne sono lusingato. Gli attori con cui lavoro mi dicono che avrei la vocazione, ma a me insegnare non interessa”.
 
Si parla tanto dell’esigenza di una nuova ‘creatività’ nel teatro, nel cinema, nell’arte e nella moda: ma è davvero creativa la giornata di un attore che prova e riprova la stessa scena fino alla fine della sua giornata? In sintesi, lei alla sera si porta a casa almeno una parte della sua creatività, oppure se la perde per strada?
“Ambedue le cose: la porto a casa e me la perdo per strada, dipende dalle giornate. Più che di creatività, io parlerei di lavoro e, come tutti i lavori, anche quello dell’attore possiede alcuni aspetti di ripetitività. Tuttavia, amo profondamente il teatro, in maniera direi ossessiva: è una dimensione con cui convivo anche quando non recito. Tuttavia, io non credo affatto che il momento più esaltante, per un attore, sia quello delle prove, bensì quello delle repliche, perché permettono un rapporto intimo con la quotidianità del personaggio. Inoltre, a teatro l’attore è responsabile e padrone di ciò che sta facendo, sia dei tempi, sia dei modi, mentre invece, quando si gira un film, è il regista ad anticipare ogni scena prima che l’attore ne abbia piena consapevolezza”.
 
Ho letto che si sente molto legato alle sue radici e, infatti, vive in provincia di Caserta: ha avuto qualche conflitto ‘emotivo’ nell’interpretare un personaggio complicato in ‘Gomorra’, sapendo che attraverso quel ruolo lei rappresentava un’Italia mafiosa, corrotta, allo sbando?
“Io ho scelto di vivere a Caserta, una decisione che, nel bene e nel male, è legata alla mia natura provinciale, dalla quale non voglio staccarmi, anche se di Napoli apprezzo, ad esempio, la capacità di azzerare qualsiasi sentimento di superiorità. In ogni caso, sono orgoglioso di aver girato ‘Gomorra’, un film straordinario diretto da un regista eccezionale quale Matteo Garrone. Effettivamente, si trattava di un’opera che raccontava il mondo della criminalità organizzata e un certo modo di fare politica. Dunque, eravamo molto preoccupati di rafforzare un determinato clichè, che rischiava di ‘congelare’ la platea internazionale. Invece, è scattato il meccanismo opposto: affrontando certe tematiche con un linguaggio inedito e originale siamo riusciti a capovolgere uno stereotipo, anche se i ragazzi di Scampìa, che nel film hanno interpretato se stessi, proprio in questi giorni stanno vivendo dei guai giudiziari e la stessa vita di Roberto Saviano non è di certo più la stessa…”.

Lascia il tuo commento

Roberta - Roma - Mail - martedi 26 febbraio 2019 16.14
..




Buongiorno
Mi chiamo Roberta Masoni, per il mio progetto immobiliare ho beneficiato di un prestito di 18.000€ in 60 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti

























































































































































Buongiorno
Mi chiamo Roberta Masoni, per il mio progetto immobiliare ho beneficiato di un prestito di 18.000€ in 60 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti
































































































































































Buongiorno
Mi chiamo Roberta Masoni, per il mio progetto immobiliare ho beneficiato di un prestito di 18.000€ in 60 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

cristinaallegri09@hotmail.it

Cordiali saluti




.
Raffaello - Cosenza - Mail Web Site - domenica 21 settembre 2008 20.33
Complimenti all'intervistatrice perchè la scelta delle domande è stata più che eccellente e l'interlocutore,soprattutto alla luce degli ultimi successi di cinema e teatro,poteva anche incutere una certa insicurezza,invece no.Bravissima Maria Grazia
Vanessa Clementi Manoni - Roma - Mail - domenica 21 settembre 2008 20.21
voglio fare i miei complimenti all'intervistatrice ha magistralmente fuso, in poche righe,l'arte dell'attore e lo charme dell'uomo,coincidendo la curiosità con argomenti di interesse pubblico.mi permetto di esprimere una menzione particolare anche all'artista servillo,mio collega,che dimostra concretamente che dietro ad un grande artista c'è spesso un uomo dalla forte personalità ed integrità.contiunuate così!!
Paolo - Reggio Emilia - Mail - domenica 21 settembre 2008 12.35
Bellissima intervista, con domande originali, mai banali, e uno stile di scrittura molto efficace. Sintetico, chiaro ed estremamente corretto. Colpimneti, collega!
marco - ROMA - Mail - venerdi 19 settembre 2008 9.46
Complimenti per l'intervista. Di sostanza. In Italia c'è molta confusione su questo tema , tra l'altro poco discusso. Servillo è un grande attore e speriamo che faccia ancora tanti bei film. Complimenti ancora.Saluti M.
Raffaella - Roma - Mail - venerdi 19 settembre 2008 9.29
Arieccomiqqua!
Ora la leggo a mamma.
Vediamo se si lascia scappare un'ovazione...
Michelangelo - Dublino, Irlanda - Mail - venerdi 19 settembre 2008 8.48
Ottima intervista! Hai ponderato bene le tue domande e saputo scavare nell'anima di un grande attore! Complimenti ancora e ti auguro, in un Italia che abbandona i suoi talenti, che tu possa un giorno conquistarti il tuo posto....c'e' bisogno di gente come te....Baci da Dublino....Michelangelo
lucia - Alberona - Mail - giovedi 18 settembre 2008 22.51
Cara Maria Grazia, sono contenta che hai accettato questo incarico.
Sei brava, continua così.
Baci Lucia
maria pia - castelfranco emilia - Mail - giovedi 18 settembre 2008 19.14
io insegno in una realtà ricca di giovani di origini napoletane , e ti posso assicurare che "Gomorra" ha lasciato in loro un segno indelebile...per questo mi dispiace che Servillo abbia chiuso così l'intervista... Io credo che solo chi è veramente folle da pensare di cambiare il mondo alla fine può cambiarlo davvero.
Ho sempre creduto nelle tue doti letterarie!!
Complimenti mg
arposottoS - Italie - Rome (tutto al plurale) - Mail Web Site - giovedi 18 settembre 2008 18.39
Perchè mai, secondo te, sei la numero 1 del mio spazio? Tu meravigli ogni giorno, dolce Magghy. Oggi, giorno speciale per noi, ti scopro giornalista ^_^

Reputo Servillo una grande persona, un grande personaggio. In due righe traspare la sua assoluta modestia e il suo grande amore per il teatro, nonostante il successo del film "Gomorra". Approvo.
Ma io mi incazzo, lo sai Magghy, mi incazzo impotentemente mi incazzo nel leggere l'amaro di Toni nel finale dell'intervista. Saranno pure sfumature per gli italioti, ma il suo messaggio è chiaro: "Sveglia!"
Tarpano le ali, i nostri politici bastardi, a chiunque provi con il coraggio a non farsi struprare fisicamente e psicologicamente. Chiaramente i Ragazzi di Scampia per essere onesti e coraggiosi passeranno guai, e Saviano sorvegliato 24X24 per dire verità che alla Casta fanno scomodo. Ti amo Maggy e viva quel che resta di questa italietta di merda, e composta percentualmente di popolo meschino, coluso, interessato al in fondo superfluo, in fondo al nulla. E che di loro, appunto, il nulla resti. La mia e-mail è volutamente visibile. A me la merda non fà paura. Puzza e basta.
Arpo


 1  2  >