Alessandro LozziI troppi suicidi di questi ultimi giorni hanno avuto solo ritagli di spazio nella società della comunicazione. Un ulteriore ‘peloso’ tributo alla mistica della lotta all’evasione fiscale. Queste morti non sono dovute a labilità psicologiche: sono vittime del disorientamento generato dalla crisi economica, ma anche e soprattutto dell’intimidazione generata dal mostro ancipite: Equitalia. La prima mostruosità è che Equitalia è una spa, cioè una società di diritto privato. E poco rileva che i soci siano solo Inps (49%) e Agenzia delle Entrate (51%). L’aver attribuito una funzione tipicamente pubblica, come la riscossione delle imposte, a una società privata ha prodotto non poche anomalie, a cominciare dal compenso, smisurato, per i suoi amministratori, per finire all’aggio, altrettanto smisurato, attribuito alla spa. La seconda, più grave, mostruosità è l’aver attribuito al ‘mostro’ poteri mostruosi, tutti a danno del cittadino inerme. Trascorsi 60 giorni dall’invio della contestazione Equitalia può: iscrivere ipoteca, comunicare la propria pretesa alla centrale rischi bancaria, pignorare conti correnti, mettere le ganasce alle autovetture. E tutto ciò prima e senza che vi sia stata alcuna attività giudiziaria che attesti la correttezza della pretesa: i gabellieri dei signori medioevali erano più ‘british’. Ecco perché, in attesa di ripensare complessivamente la normativa e soprattutto l’organizzazione della riscossione dell’imposte, il primo passo da fare per onorare quei 23 cittadini che dall’inizio dell’anno si sono suicidati, martiri di Equitalia a tutti gli effetti, è ridurre, da subito, il compenso fisso, l’aggio che alimenta il ‘mostro’. Si badi bene che il compenso percentuale è previsto che si applichi sul riscosso e, quindi, non solo sulle imposte recuperate, ma anche sulle sanzioni che ne conseguono, che sono, come ben si sa, elevatissime. Si parla tanto, spesso a sproposito, di mercato. Ecco: il 9% per un’attività che si svolge in regime di monopolio è veramente una provvigione fuori mercato. Riduciamola subito del 50%, poi parliamo del resto.




Direttore editoriale di www.laici.it
Lascia il tuo commento

Ferdinando Sartucci - Italia - Mail - lunedi 23 aprile 2012 8.5
Articolo splendido, succinto, reale, asettico ed etecnico come dovrebbero essere tutti gli articoli su questi problemi. Molti quotidiani e giornalisti dovrebbero imitare tale modalitÓ di scrivere.


 1